La ragazza meccanica, Paolo Bacigalupi

La ragazza meccanica ha ottenuto alcuni dei riconoscimenti più importanti per la letteratura di fantascienza inglese, ovvero il Premio Nebula, il Premio Hugo e il Premio John Wood Campbell Memorial. Bastano poche pagine per essere catapultati nel caldo torrido dei mercati di Bangkok alla ricerca di nuovi frutti resistenti alle mutazioni di virus genemodificati, in una città devastata dal crack energetico e minacciata dall’avanzare dell’oceano.

Leggi Tutto →

Ma gli androidi sognano pecore elettriche? di P.K. Dick

DickLibro strano, pieno di idee che si accavallano fra loro:  il confine fra vita e androide, fra umano e non, la verità e la truffa religiosa, i fallimenti globali e individuali, i sogni, le pecore elettriche… tragico e grottesco. Alcune parti mi sono piaciute moltissimo, in altre mi sono un po’ persa nella nebulosità dei contenuti. Rimane una lettura evocativa di un mondo futuro e già perduto.

Leggi Tutto →

I robot dell’alba, di I. Asimov

In questo periodo sto leggendo I robot dell’alba, di Asimov, terzo romanzo del ciclo dei robot.

La trama vede l’investigatore terrestre Elijah Baley e il robot R. Daneel Olivaw indagare su un robocidio (l’omicidio di un automa) avvenuto sul pianeta Aurora.

La cosa curiosa di questo libro è come lo scrittore, nello svolgere le indagini sul caso, ci riveli le abitudini sessuali dei protagonisti, provenienti da tre mondi diversi. Questo approfondimento psicologico, legato perfettamente con il contesto futuro ipotizzato, rende personaggi lontani nello spazio-tempo reali e credibili. Tanto che non faccio fatica a credere che il futuro, quello lontano, che non vedrò mai, potrebbe essere veramente così.

In conclusione, Asimov è cittadino onorario del mio pantheon di dei della creazione, e la chiave moderna per il viaggio nel tempo.

ATTENZIONE, il ciclo dei robot si compone:

  1. Tutti i miei robot (raccolta di racconti);
  2. Abissi d’acciaio ( …non ho scritto nulla su questo bellissimo libro.. rimedierò presto);
  3. Il sole nudo;
  4. I robot dell’alba;
  5. I robot dell’Impero ( …il prossimo sulla lista…);