Dalle stalle (Prometheus) alle future stelle (The Possession)

ok, ok è da un po’ che non scrivo, principalmente causa esami.  Con un paio di amici siamo andati a vedere Prometheus e il commento finale è: deludente e brutto. La trama fa acqua da tutte le parti e non compensa con una buona dose di alienoni cattivissimi mangia-budella… ma che scherziamo? Insomma, vi consiglio di lasciar perdere, e se proprio avete voglia di un film sui generis ripescate il caro vecchio – e buon – Alien e vivrete felici. La mia simpatia solidale va a Charlize Theron e Noomi Rapace.

In compenso Sam Raimi, autore di uno dei più bei film horror del decennio, Drag me to hell, uscirà al cinema a ottobre con The Possession… non sto più nella pelle!

Ora vado a scegliere i corsi dell’università, che inizia domani. Buonanotte!

Shame, di S. McQueen

Titolo appropriato per questo film. Lento, lentissimo… non sono sopravvissuta alla prima metà. E se mi dite che non colgo la poetica (o il senso) di un uomo malato di sesso che corre per la città per due minuti sulle note di un pianoforte mentre sua sorella si fotte il suo mio miglior amico… potrei darvi ragione, sì, proprio non lo capisco.

Gli concedo alcune belle immagini, tutto qui.

 

Buona visione (o forse no)

Mirror Mirror: visto che ormai i fumetti sono finiti, siamo passati alle favole. Carino, ma è molto (ribadisco molto) per bambini; mi ha spinto a comprare Grimm’s Fairy Stories (ebook in inglese gratuito), per scoprire la favola originale. 

Act of Valor: che orrore! Premetto che non sono una appassionata di film militari, ma so apprezzare un buon film sul genere, come il classico Full Metal Jacket (lo adoro). Detto ciò, Act of Valor non solo è un tipico panettone americano, ma è un spara spara per niente thrilling.

The thing (2011): remake dell’omonimo film del 1982, di cui non sono una fan, devo dire che mi ha colpita. Finalmente un film horror che merita l’etichetta “guardabile”.  

Underworld Awakening: l’ho visto un paio di giorni fa, e già non me lo ricordo più… e con questo ho detto tutto.