Viaggio in Andalusia con i mezzi pubblici: come organizzarsi

All’annuncio che sarei andata in Andalusia da sola, la prima cosa che mi sono sentita chiedere è stata: “ma non hai paura?” Hanno fatto seguito facce stupite alla mia serena risposta “no”. Non ho intenzione di dilungarmi sull’argomento ragazza-che-viaggia-da-sola, l’unica cosa che posso dirvi io, nel mio piccolo, è che mi piace fare quello che mi pare senza essere soggetta a orari e voglie altrui. Posso decidere sul momento se dormire tutto il giorno o fare 24h di marcia forzata. E soprattutto, cosa che detesto fare quando sono in vacanza con amici, non devo cucinare. MAI. Di persone ne conoscerete moltissime. E se state pensando a un primo viaggio in solitaria, la Spagna è una meta facile da gestire. Passiamo alla parte pratica.

In questo post vi scrivo alcune informazioni generali, seguiranno articoli sulle singole città.

Durata del viaggio: 10 giorni
Periodo: inizio luglio (temperature dai 20 ai 43 gradi)

Voli e trasferimenti:
La compagnia scelta è la Ryanair, perché la più economica.
Bologna-Siviglia: il trasferimento in centro si effettua con un comodissimo autobus, che si prende appena usciti dall’aeroporto. Costa 4 euro, e impiega circa quaranta minuti. Varie sono le tappe, per cui controllate la cartina per trovare quella più vicina al vostro hotel!
Malaga-Bologna: a luglio ci sono solo due voli alla settimana, e la partenza è alla mattina prestissimo (alle 6.50 nel mio caso). Per arrivare in aeroporto c’è l’autobus, ma a partire dalle 6.30. Prima bisogna per forza prendere il taxi, costo sui 25 euro.

Itinerario: 
– 3 notti a Siviglia: è la città che più mi è piaciuta;
– 1 notte a Cordaba: si può trasformare tranquillamente in una gita a/r in giornata;
– 3 notti a Granada: molto, molto, molto bella, volendo si può vedere anche in 2 giorni;
– 3 notti a Malaga: città di mare, poco interessate a livello monumentale.

Trasporti: 
Ho prenotato su internet tutti i biglietti, in anticipo e usufruendo di notevoli sconti.
Siviglia-Cordoba è l’unica tratta che ho fatto in treno, comprato sul sito ufficiale delle ferrovie spagnole renfe.com, il viaggio dura 1.20h e il biglietto è costato circa 14 euro;
Cordoba-Granada è la tratta più lunga con il pullman, prenotato sul sito Alsa, che vi permette di arrivare un po’ ovunque. Dura circa 3 ore, strade morbide, costo 8 euro.
Granada-Malaga, sempre in pullman, dura un po’ meno di 2 ore ed è costato 6 euro.
Durante il viaggio non si sono verificati ritardi, anche se qualche piccolo imprevisto c’è stato.

Internet e simili:
L’applicazione di Tripadvisor è comodissima per scaricare offline le mappe delle singole città. Tutti gli ostelli, gli hotel, e buona parte dei ristoranti in cui sono stata avevano il wifi. Inoltre, con una decina di euro è possibile comprare una sim spagnola.

L’Andalusia è la soluzione ideale se volete vedere posti meravigliosi, stare al caldo (mooltoo caldo) e combatterlo con la combo fiumi di birra + siesta pomeridiana, mangiare fino a scoppiare e alla fine stendervi su una sdraio e dire: sono felice!

 

Questo slideshow richiede JavaScript.